Seleziona Pagina

Loira, Reno, Po, Danubio: tutti in secca

Loira, Reno, Po, Danubio: tutti in secca

Un continente a secco e drammatiche riduzioni dei flussi di tutti corsi d’acqua. Una crisi idrica mai vista, perlomeno negli ultimi 500 anni, che mette in grande difficoltà non solo gli approvvigionamenti di acqua per l’agricoltura, ma anche tanti altri settori economici . dalla produzione di energia elettrica, al traffico commeciale fluviale, dalle coltivazioni ittiche al tuirismo rivierasco fra gli  altri

In quest’articolo di Jon Heley, apparso su The Guardian il 13/8/22, c’è la fotografia di un continente che è rimasto quasi a secco. Lo proponiamo perchè fra i tanti che sono apparsi in questo peridodo è quello che offre la visione d’insieme più completa.

La versione integrale la potete leggere qui

https://www.theguardian.com/environment/2022/aug/13/europes-rivers-run-dry-as-scientists-warn-drought-could-be-worst-in-500-years

In alcuni punti, la Loira può ora essere attraversata a piedi; Il fiume più lungo della Francia non è mai stato così lento. Il Reno sta rapidamente diventando impraticabile per il traffico di chiatte . In Italia il Po è di 2 metri più basso del normale , paralizzando i raccolti. La Serbia sta dragando il Danubio.

In tutta Europa , la siccità sta riducendo i fiumi un tempo possenti a rivoli, con conseguenze potenzialmente drammatiche per l’industria, il trasporto merci, l’energia e la produzione alimentare, proprio come la carenza di forniture e l’aumento dei prezzi a causa dell’invasione russa dell’Ucraina.

Spinti dalla crisi climatica, un inverno e una primavera insolitamente secchi seguiti da temperature estive da record e ripetute ondate di caldo hanno lasciato i corsi d’acqua essenziali d’Europa sotto-riforniti e, sempre più, surriscaldati.

Senza precipitazioni significative registrate per quasi due mesi nell’Europa occidentale, centrale e meridionale e nessuna previsione nel prossimo futuro, i meteorologi affermano che la siccità potrebbe diventare la peggiore del continente in più di 500 anni.

“Non abbiamo analizzato a fondo l’evento di quest’anno perché è ancora in corso”, ha affermato Andrea Toreti del Centro comune di ricerca della Commissione europea. “Non ci sono stati altri eventi negli ultimi 500 [anni] simili alla siccità del 2018. Ma quest’anno, penso, è peggio”.

Ha detto che c’era “un rischio molto alto di condizioni di siccità” che persiste nei prossimi tre mesi, aggiungendo che senza un’efficace mitigazione l’intensità e la frequenza della siccità “aumenterebbero notevolmente in Europa, sia nel nord che nel sud”.

L’Istituto Federale di Idrologia (BfG) tedesco ha affermato che il livello del Reno, le cui acque sono utilizzate per il trasporto merci, l’irrigazione, la produzione, la produzione di energia e il consumo di acqua potabile, continuerà a scendere almeno fino all’inizio della prossima settimana.

Venerdì l’acqua al punto critico di Kaub, 50 km a valle di Magonza, che misura la navigabilità, piuttosto che la profondità dell’acqua, è scesa al di sotto di 40 cm, il livello al quale molte compagnie di navigazione ritengono che non sia più economico far funzionare le chiatte. Potrebbe cadere a circa 30 cm nei prossimi giorni, ha detto il BfG.

Molte chiatte, che trasportano carbone per centrali elettriche e materie prime vitali per giganti industriali come il produttore siderurgico Thyssen e il gigante chimico BASF, stanno già operando con una capacità di circa il 25% per ridurre il loro pescaggio, aumentando di cinque volte i costi di spedizione.

Per secoli parte vitale dell’economia dell’Europa nord-occidentale, le 760 miglia (1.233 km) del Reno scorrono dalla Svizzera attraverso il cuore industriale della Germania prima di raggiungere il Mare del Nord nel megaporto di Rotterdam.

Un blocco totale del traffico delle chiatte sul Reno colpirebbe duramente l’economia tedesca – ed europea: gli esperti hanno calcolato che una sospensione di sei mesi nel 2018 costerebbe circa 5 miliardi di euro (4,2 miliardi di sterline), con livelli bassi dell’acqua che dovrebbero costare alla Germania 0,2 punti economici crescita quest’anno.

Mentre l’UE ha affermato che aumentare del 25% il trasporto merci per via navigabile è una delle priorità della transizione verde del blocco, la Germania sta ora lavorando per dirottarlo su rotaia e su strada, sebbene siano necessari dai 40 ai 100 camion per sostituire un carico standard di chiatta.

I fiumi francesi potrebbero non essere così importanti arterie merci, ma servono a raffreddare le centrali nucleari che producono il 70% dell’elettricità del paese. Poiché i prezzi hanno raggiunto i massimi storici, il gigante dell’energia EDF è stato costretto a ridurre la produzione a causa della siccità .

Regole rigorose regolano fino a che punto le centrali nucleari possono aumentare la temperatura del fiume quando scaricano l’acqua di raffreddamento e se i livelli dell’acqua bassi e le temperature dell’aria elevate indicano che il fiume è già surriscaldato, non hanno altra scelta che tagliare la produzione. Con l’incombente crisi energetica in Europa in aumento e i fiumi Garonna, Rodano e Loira già troppo caldi per consentire lo scarico dell’acqua di raffreddamento, la scorsa settimana il regolatore nucleare francese ha consentito a cinque impianti di infrangere temporaneamente le regole.

Il letto quasi asciutto del Po piacentino.
Il Po scorre tranquillo: la vita e la lenta morte del fiume più lungo d’Italia
Leggi di più

In Italia, la portata dell’arido Po , il fiume più lungo d’Italia, è scesa a un decimo della sua portata abituale  (….)La pianura padana rappresenta tra il 30% e il 40% della produzione agricola italiana, ma i coltivatori di riso in particolare hanno avvertito che fino al 60% del loro raccolto potrebbe andare perso a causa del prosciugamento delle risaie e dell’inquinamento dell’acqua di mare risucchiata dal basso fiume livello.

(…)

I bassi livelli dei fiumi e le alte temperature dell’acqua possono rivelarsi fatali per molte specie. In Baviera, il Danubio ha raggiunto i 25°C la scorsa settimana e potrebbe raggiungere i 26,5°C entro la metà del mese, il che significa che il suo contenuto di ossigeno scenderebbe al di sotto di sei parti per milione, fatale per la trota.

Anche il trasporto merci sui 2.850 km del Danubio è stato pesantemente interrotto, spingendo le autorità in Serbia, Romania e Bulgaria a iniziare a dragare canali più profondi mentre le chiatte che trasportano principalmente carburante per i generatori di energia aspettano di avanzare.

Anche la Norvegia, che fa affidamento sull’energia idroelettrica per circa il 90% della sua produzione di elettricità, ha affermato che i livelli insolitamente bassi dei suoi giacimenti potrebbero alla fine obbligarla a limitare le esportazioni di energia.

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

Mini Digital Festival: è aperto il contest “Cronaca locale in formato web&social”

30/09/2022
Un’occasione per mettersi in mostra dedicata ai giovani reporter. Gli studenti di scuola superiore e universitari potranno partecipare inviando un reel o un breve video dalla durata massima di un minuto e mezzo, al contest “Cronaca locale in formato web&social”. Il contenuto deve essere informativo: ciò significa che il protagonista del video dovrà riferirsi a […]

Al Salone del Gusto esempi virtuosi di bioeconomia circolare

25/09/2022
Un evento internazionale diventa il laboratorio per dimostrare come l’utilizzo di sacchi e stoviglie in bioplastica compostabile possa dare il proprio positivo contributo alla corretta gestione dei rifiuti organici, aumentandone sia la quantità sia il corretto conferimento da parte dei visitatori. L’evento in questione è Terra Madre – Salone del Gusto 2022, lo storico appuntamento […]

‘BUSINESS PLANet’: a Cersaie il futuro delle città

22/09/2022
Le città occupano solo il 3% del territorio mondiale, ma riescono a consumare oltre il 60% dell’energia, producendo il 70% delle emissioni di gas serra e il 70% dei rifiuti globali, con una popolazione destinata a raddoppiare entro il 2050. Poco basta per individuare le città come banco di prova del prossimo futuro a livello ambientale, energetico, urbanistico, architettonico, sociale ed […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »