Seleziona Pagina

Nelle favelas di Rio de Janeiro un giardino urbano mondiale

Nelle favelas di Rio de Janeiro un giardino urbano mondiale

Il Brasile si prepara a costruire il più grande giardino urbano del mondo entro il 2024. E’ un’iniziativa finanziata dal governo nota come “Hortas Cariocas” intesa a rendere popolare il consumo di prodotti biologici e fornire un fonte di reddito per le famiglie svantaggiate. Ma il dato che si impone e fa notizia è che lo spazio verde collegherà cinque favelas di Rio de Janeiro, coprendo infine un’area delle dimensioni di 15 campi da calcio.

Giardinieri con il programma Hortas Cariocas a Rio de Janeiro.Giardinieri con il programma Hortas Cariocas a Rio de Janeiro. Fotografo: Julio Cesar Barros
 è comnparso su Bloomberg City lab 21 agosto 2022 ,. La versione integrale è qui

La città di Rio de Janeiro sta lavorando con le favelas locali per costruire quello che secondo gli organizzatori sarà il più grande giardino urbano del mondo, come parte di un’iniziativa finanziata dal governo nota come “Hortas Cariocas” intesa a rendere popolare il consumo di prodotti biologici e fornire un fonte di reddito per le famiglie svantaggiate.

Una volta completato, l’orto urbano si estenderà su diverse favelas circostanti collegate da una striscia di terra verde lungo il Parco Madureira Mestre Monarco, situato nella zona nord della città, comprese le comunità di Cajueiro, Palmeirinha, Serrinha, Buriti e Faz-Quem- Quer. Il corridoio verde sarà formato tra le comunità di Madureira e Guadalupe. Quando l’ampliamento sarà terminato, il giardino sarà grande quanto 15 campi da calcio.

Fino a 100.000 famiglie alla fine beneficeranno del progetto ogni mese, secondo Julio Cesar Barros, fondatore di Hortas Cariocas e direttore dell’agroecologia del giardinaggio biologico per l’agenzia municipale per l’ambiente di Rio de Janeiro.

(….)

“Il risultato del nostro progetto non è avere un bel giardino”, ha detto Barros. “Un bel giardino è una conseguenza del nostro lavoro. Il risultato della nostra produzione è vedere quanti piatti di cibo [siamo] in grado di servire”.

Seme dopo seme, Hortas Cariocas è cresciuto notevolmente da quando è stato creato nel 2006: ora ha 56 orti comunitari attivi, di cui 29 si trovano nelle favelas e 27 nelle scuole di tutta la città. Circa 50.000 famiglie sono già coinvolte nel progetto, che funge da fonte di cibo fresco per alcuni e di reddito per altri.

Quest’anno, l’obiettivo è produrre 80 tonnellate di cibo in tutti i 56 giardini, secondo William Fernandes Souza, che lavora al Madureira Park. Una volta completato il progetto, si aspetta che la produzione raddoppierà. Il bisogno è acuto: più di 33 milioni di brasiliani stanno affrontando la fame .

L’obiettivo di costruire l’orto urbano più grande del mondo ha il forte sostegno del sindaco di Rio de Janeiro Eduardo Paes, che ha posto l’obiettivo della sua amministrazione di rendere l’orto pienamente operativo entro il 2024.

L’attuale progetto amplierà i giardini esistenti nelle comunità di Cajueiro e Palmeirinha, creando uno spazio verde di 11 ettari per la coltivazione di prodotti biologici che i giardinieri potranno vendere e donare alle comunità circostanti. L’area sarà composta da migliaia di aiuole e terreno aperto dove verranno coltivati ​​diversi tipi di frutta e verdura.

Finora sono stati costruiti circa 400-500 letti da giardino, ha detto Barros, che ammontano solo al 4% del totale da costruire nei prossimi due anni. I giardini del Madureira Park hanno attualmente 38 giardinieri che lavorano su base settimanale, ma una volta che sarà completamente operativo, Barros stima che ce ne saranno quasi 90, o circa da cinque a otto per ettaro.

Tutti i giardinieri ricevono un compenso per il loro lavoro, con i giardinieri di livello inferiore che ricevono uno stipendio mensile di R $ 500 ($ 98) mentre i team leader e i coordinatori ricevono rispettivamente R $ 630 ($ 122) e R $ 1.000 ($ 192). Per finanziare gli stipendi, Barros ha affermato che la città spende R $ 140.000, o quasi $ 27.000, al mese.

Dei prodotti coltivati, il 50% viene donato a persone bisognose e il restante 50% viene venduto dai giardinieri a prezzi accessibili per la comunità. L’obiettivo è che ogni giardino diventi autosufficiente e in definitiva indipendente, ha affermato Barros. La decisione di ‘emanciparsi’ è presa dai giardinieri e dai volontari di ogni comunità.

(….)

.

Oltre ai guadagni economici, Barros ha affermato che il progetto offre un vantaggio sociale ancora maggiore aiutando le persone a prendere le distanze dal traffico di droga, che un tempo era comune nelle vicinanze. L’area era conosciuta come “cracolândia”, la più grande area di Rio de Janeiro per il consumo di cocaina crack. “Prima aprivi la porta e vedevi il ‘crackland'”, ha detto Barros. “Oggi apri la tua porta e vedi un giardino.”

L’ambizione dietro Hortas Cariocas non è nuova. Nel 2013, il team ha recuperato un’area nella comunità di Manguinhos e ha iniziato a piantare semi. Oggi, il Giardino Manguinhos è il più grande orto urbano dell’America Latina, con la coltivazione di oltre 2 tonnellate di frutta e verdura biologica ogni anno, tra cui manioca, cavolo cappuccio, fragole e banane.

Oltre a incoraggiare la comunità a coltivare prodotti biologici, il progetto ha anche creato posti di lavoro e generato entrate per coloro che ne avevano più bisogno, incluso Ezequiel Dias.

Per Dias, residente a Manguinhos e coordinatore del giardino, il progetto ha cambiato la sua vita e la sua comunità. Dias è stato disoccupato per cinque anni prima di essere presentato a Hortas Cariocas e ha iniziato a lavorare al Giardino Manguinhos. Ha iniziato come giardiniere, coltivando ortaggi e costruendo aiuole. Dopo anni di coinvolgimento, ora lavora come coordinatore, dove guida un team di 25 giardinieri.

“La vita nella nostra comunità è molto precaria. Devi combattere”, ha detto Dias. “Ci sono persone che non hanno cibo da mangiare. Così l’orto ha cambiato la vita delle famiglie perché c’erano persone che erano disoccupate ma ora hanno un lavoro. Sei dentro casa, lavori e guadagni il tuo reddito e, di conseguenza, mangi in modo più sano”.

Mentre il progetto continua a crescere, Barros ha detto che spera che più famiglie siano nutrite e possano adottare stili di vita più sani mentre guadagnano dal lavoro svolto in ogni giardino. Ha detto che l’obiettivo finale è incoraggiare la sostenibilità urbana.

“È possibile produrre cibo in una grande città urbana e non dipendere da camion provenienti da fuori città, creando anidride carbonica e [gas] serra che riscaldano il pianeta”, ha detto Barros

(…)

Circa l'autore

Lascia un commento

DAILY NEWS

Agenda

Mini Digital Festival: è aperto il contest “Cronaca locale in formato web&social”

30/09/2022
Un’occasione per mettersi in mostra dedicata ai giovani reporter. Gli studenti di scuola superiore e universitari potranno partecipare inviando un reel o un breve video dalla durata massima di un minuto e mezzo, al contest “Cronaca locale in formato web&social”. Il contenuto deve essere informativo: ciò significa che il protagonista del video dovrà riferirsi a […]

Al Salone del Gusto esempi virtuosi di bioeconomia circolare

25/09/2022
Un evento internazionale diventa il laboratorio per dimostrare come l’utilizzo di sacchi e stoviglie in bioplastica compostabile possa dare il proprio positivo contributo alla corretta gestione dei rifiuti organici, aumentandone sia la quantità sia il corretto conferimento da parte dei visitatori. L’evento in questione è Terra Madre – Salone del Gusto 2022, lo storico appuntamento […]

‘BUSINESS PLANet’: a Cersaie il futuro delle città

22/09/2022
Le città occupano solo il 3% del territorio mondiale, ma riescono a consumare oltre il 60% dell’energia, producendo il 70% delle emissioni di gas serra e il 70% dei rifiuti globali, con una popolazione destinata a raddoppiare entro il 2050. Poco basta per individuare le città come banco di prova del prossimo futuro a livello ambientale, energetico, urbanistico, architettonico, sociale ed […]

CAMPIONI D SOSTENIBILITÁ

Raccontiamo storie di imprese, servizi, prodotti, iniziative che amano l’ambiente.
Sono storie di persone che guardano avanti. Che hanno lanciato startup, realizzato imprese di successo o si stanno impegnando in progetti di nuova generazione.

Uomini e donne convinti che un buon business deve essere sostenibile. In grado di promuovere un mondo e una società migliori.

Se ti riconosci in questa comunità e vorresti raccontare la tua storia contattaci.
Saremo onorati e lieti di ascoltarla e farla conoscere.
Contatto veloce:
WhatsApp : 328 6569148

Water Video Interviste

Caricamento in corso...
Choose your language »