Luca Mercalli, meteorologo, climatologo e divulgatore scientifico, diventa un fumetto per raccontare il cambiamento climatico, sfatare le teorie negazioniste e lanciare un grido di allarme rispetto all’emergenza in atto dando indicazioni concrete rispetto a ciò che possiamo fare per invertire la rotta.

Il laboratorio creativo fiorentino Tatai Lab ha presentato, in anteprima nazionale a Lucca Comics&Games, il fumetto “Il tuo clima – Istruzioni per l’uso” che uscirà il 15 novembre su Amazon e sullo store online di Tatai Lab e che vedrà la versione cartoon di Mercalli dialogare con la giovane Gaia.

Duplice l’obiettivo: da una parte accendere i riflettori sul riscaldamento globale, nell’autunno più caldo degli ultimi 250 anni, come ha denunciato Mercalli, e, in generale, sull’effetto a cui si va incontro quando non si interviene sulle produzioni e sullo stile di vita; dall’altra usare lo strumento del fumetto per arrivare a quante più persone possibili, unendo anche generazioni diverse.

Un progetto che ha riunito il meteorologo, climatologo e divulgatore scientifico Luca Mercalli con lo sceneggiatore Francesco Vacca, il disegnatore Davide Riboni e le coloriste Laura D’Addazio e Katia Ranalli, guidati dalla direzione artistica di Emanuele Tenderini.

Come reagiremmo se, con l’innalzamento del livello del mare il campanile di San Marco venisse sommerso dall’acqua? Uno scenario inquietante, ma purtroppo molto realistico se non viene subito posto rimedio. Come cambieranno le temperature della Terra? Cosa può fare ogni singola persona, nel quotidiano, per salvare il pianeta?

I due protagonisti, Mercalli e Gaia, affronteranno insieme un viaggio nel futuro, che non sembra essere neanche poi così lontano, per lanciare un grido d’allarme e invertire, quanto prima, la rotta del cambiamento climatico.

Francesco Vacca, già autore per Topolino (Disney/Panini Comics), con Tatai Lab ha firmato Livania e Shuricat. Piemontese trapiantato a Roma, nella capitale insegna sceneggiatura per la Pencil Art, scuola di fumetto e illustrazione.

Davide Riboni, classe 1993, si ispira al mondo disneyano per i suoi disegni.

Laura D’Addazio, spagnola d’adozione, si è occupata di colorare le tavole alle quali ha collaborato anche Katia Ranalli.