Notizia terrificante. Che riprendiamo e pubblichiamo nel nostro ” Giornale dei giornali”.

Notizia integrale e video, fonte BBC,  di Antonietta Radford, stanno qui.

https://www.bbc.com/news/world-australia-64992726

_______________________

Le morti di pesci su larga scala sono state segnalate per la prima volta venerdì mattina nella città di Menindee, nel Nuovo Galles del Sud (NSW).

L’autorità fluviale dello stato ha affermato che è stato il risultato di un’ondata di caldo in corso che ha colpito il fiume Darling-Baaka.

La gente del posto dice che è il più grande evento di morte di pesci che ha colpito la città, che ha subito un’altra significativa morte di massa di pesci solo tre anni fa.

In un post su Facebook, il Dipartimento delle industrie primarie (DPI) del NSW ha affermato che l’ondata di caldo ha “ulteriore stress su un sistema che ha subito condizioni estreme a causa di inondazioni su vasta scala”.

Le ondate di calore sono diventate più frequenti, più intense e durano più a lungo a causa del cambiamento climatico indotto dall’uomo. Il mondo si è già riscaldato di circa 1,1°C dall’inizio dell’era industriale e le temperature continueranno a salire a meno che i governi di tutto il mondo non effettuino tagli drastici alle emissioni.

Il residente locale Graeme McCrabb misura un pesce morto
(……)
“Ci sono circa 30 chilometri di pesci morti”, ha detto alla BBC un residente locale Graeme McCrabb

Parlando alla BBC, Graeme McCrabb, residente a Menindee, ha descritto le morti come “surreali”.

“Probabilmente oggi ci sarà un po’ più di confronto”, ha detto, avvertendo che la gente del posto si aspettava che ancora più pesci sarebbero morti mentre i pesci già in decomposizione succhiavano più ossigeno dall’acqua.

Circa 500 persone vivono nella città nell’estremo ovest del New South Wales. Il fiume Darling-Baaka fa parte del Murray Darling Basin, il più grande sistema fluviale dell’Australia.

Il NSW DPI ha anche affermato che la morte dei pesci è stata “angosciante per la comunità locale”, un sentimento ripreso da McCrabb.

“Puoi solo immaginare di lasciare un pesce nella tua cucina a marcire con tutte le porte chiuse e senza aria condizionata, e ne abbiamo milioni.”

La temperatura a Menindee avrebbe dovuto raggiungere i 41°C sabato.

Ha aggiunto che la gente del posto nella città regionale fa affidamento sul Darling-Baaka per l’approvvigionamento idrico, “usiamo l’acqua del fiume per lavarci e fare la doccia in modo che le persone non possano più usare quell’acqua per quei bisogni di base”, ha detto.

“Con il tempo quelle persone non potranno accedere a quell’acqua per uso domestico che è semplicemente vergognoso”.

La morte dei pesci di questa settimana getta luce sui problemi che affliggono il bacino di Murray Darling. La siccità e l’aumento dell’uso umano hanno avuto un impatto sulla salute dell’ecosistema di Murray Darling.

L’autorità del bacino di Murray Darling ha affermato che l’agricoltura, le industrie e le comunità hanno utilizzato l’acqua del sistema fluviale, il che ha portato a una minore quantità di acqua che scorre attraverso il fiume.

Ha anche affermato che il bacino è soggetto a eventi meteorologici estremi e ha un clima molto variabile che lo rende vulnerabile sia agli incendi che alla siccità.

Nel 2012 è stato implementato un piano del valore di 13 miliardi di dollari australiani (8,45 miliardi di sterline all’epoca) per cercare di fermare il prosciugamento del fiume e riportarlo a un livello più sano.

(….)