Un’ondata di scioperi come non si vedeva da decenni in Inghilterra. E sono anche proteste che impattano fortemente il cambiamento climatico. Fa testo la protesta di Extinction Rebellion che ha portato in piazza più di 60 mila giovani.

Questo articolo è stato inviato con  “Imagine. A planet with climate action” newsletter di The Conversation. Il suo autore è Jack Marley

———–

La recente ondata di azioni sindacali della Gran Bretagna è destinata ad approfondire questo Primo Maggio con nuovi scioperi da parte dei membri del Royal College of Nursing. Già avvocati, ferrovieri e insegnanti hanno condotto un’azione sindacale sulla retribuzione e sulle condizioni di lavoro. Il mese scorso, i lavoratori del settore petrolifero e del gas del Mare del Nord hanno votato per lo sciopero  in mezzo a prese di profitto record da parte degli azionisti delle aziende di combustibili fossili per cui lavorano.

Allo stesso tempo, il movimento climatico sta cambiando. Extinction Rebellion ha attirato più di 60.000 persone  con il suo invito ad occupare il centro di Londra lo scorso fine settimana. Il gruppo insiste che il suo allontanamento dalla protesta dirompente è nell’interesse di costruire relazioni. Una di queste relazioni potrebbe essere con la forza lavoro sempre più insoddisfatta del paese?

Stai leggendo la newsletter di Imagine, una sintesi settimanale di approfondimenti accademici sulle soluzioni al cambiamento climatico, offerta da The Conversation. Sono Jack Marley, redattore di energia e ambiente. Questa settimana si parla di un’alleanza rosso-verde per affrontare la crisi climatica.

Cosa c’entrano i lavoratori in sciopero con il surriscaldamento della Terra? Simon Mair è un docente di sostenibilità all’Università di York che ha recentemente preso parte a un’azione sindacale su pensioni e condizioni di lavoro. Sostiene che l’abbattimento degli strumenti in tali controversie può colpire i ” motori sistemici del cambiamento climatico “.

“Quando dico che il cambiamento climatico è un problema sistemico, guardo oltre le emissioni di gas serra che sono i motori fisici diretti del cambiamento climatico. Quei gas non appaiono solo miracolosamente. Piuttosto, sono il risultato di sistemi di produzione e consumo”, dice Mair.

Le reti che producono, distribuiscono e vendono le cose che usiamo ogni giorno fanno parte di un sistema capitalista. La logica interna per decidere quanto può essere prodotto e consumato è la crescente accumulazione del profitto, che il capitalismo come mezzo per organizzare l’attività umana richiede, dice Mair.

“Le caratteristiche del capitalismo che rendono davvero difficile la transizione dai combustibili fossili portano anche a cattive condizioni di lavoro… Perché lasciare i combustibili fossili nel terreno quando puoi venderli?”

“E quando ti sforzi di fare più soldi possibile, tenderai a lavorare le persone più duramente e più a lungo, e cercherai di pagarle di meno. Nel tentativo di fare soldi il capitalismo riduce sia gli ecosistemi che i lavoratori a costi: fastidi che devono essere ignorati e minimizzati”.

Mair descrive il rifiuto di lavorare durante lo sciopero come una richiesta di rendere questo sistema economico responsabile dei bisogni delle persone e dell’ambiente. Un libro pubblicato di recente dal filosofo giapponese Kohei Saito intitolato Marx in the Anthropocene (una precedente edizione del quale ha venduto oltre mezzo milione di copie in Giappone) ha preso questa idea di democratizzare il sistema su cui facciamo affidamento per soddisfare ulteriormente i nostri bisogni.

“Gli accademici definiscono la decrescita come uno sforzo pianificato democraticamente per ridurre i livelli di produzione e consumo  al fine di alleggerire le pressioni ambientali”, afferma Timothée Parrique, economista ecologico dell’Università di Lund che ha studiato il lavoro di Saito.

“La parte democratica è importante: l’idea è di farlo in modo da ridurre le disuguaglianze e migliorare il benessere di tutti”.

Saito sostiene che una contrazione pianificata della velocità con cui l’economia globale produce e consuma cose potrebbe arrestare l’aumento delle emissioni di gas serra e con esse le temperature globali.

“Invece di far crescere perpetuamente l’economia rendendo più cose proprietà privata e vendibili, Saito propone di condividere la ricchezza che abbiamo già creato. Questo potrebbe inaugurare un nuovo modo di vivere, in cui le persone possono permettersi di dedicare meno tempo e sforzi alla produzione di merci e rivolgere la loro attenzione verso le cose che contano davvero per loro, quello che i marxisti chiamano il regno della libertà”, dice Parrique.

“Questo dovrebbe iniziare, sostiene Saito, con il ripristino della salute degli ecosistemi terrestri, su cui si basa tutto il resto”.

Mair sottolinea come gli attivisti per il clima abbiano già riconosciuto la rilevanza delle controversie dei lavoratori per la loro stessa lotta.

“Ci sono collegamenti esistenti: Extinction Rebellion ha un capitolo sindacalista e il mio sindacato, UCU, sta conducendo una campagna sulle questioni ambientali”, afferma.

Ma il sociologo Ted Benton dell’Università dell’Essex sostiene che questi legami tra gli interessi del lavoro e la preoccupazione per l’ambiente sono in realtà molto più antichi e derivano dalla creazione di una classe operaia urbana.

“Questo è iniziato con la recinzione della terra comune, che ha lasciato molte popolazioni rurali senza mezzi per soddisfare i propri bisogni se non vendere la propria forza lavoro  alla nuova classe industriale”, afferma Benton.

“Ma [Karl] Marx ha anche parlato di bisogni spirituali e della perdita di un intero stile di vita in cui le persone trovavano significato dal loro rapporto con la natura”.

Anche i primi scioperi condotti  sotto il capitalismo hanno messo una chiave inglese nel meccanismo che stava lentamente alterando il clima globale, come spiega lo storico del lavoro dell’Università di Newcastle Matt Perry:

“I viaggi a carbone hanno aiutato i padroni a trovare manodopera più economica all’estero e hanno rafforzato la loro autorità su una classe operaia ribelle. Ad ogni passo, i lavoratori hanno resistito a questa transizione. sciopero generale – quando i lavoratori tessili hanno letteralmente staccato la spina alle caldaie a carbone delle loro fabbriche”.

Da questa prospettiva, l’approfondimento dei legami tra clima e movimenti sindacali non appare come un fenomeno nuovo. Ma piuttosto, un risveglio di una causa comune, dice Perry.

“Se avrà successo, il movimento darà un nuovo significato alla vecchia massima: ‘la causa del lavoro è la speranza del mondo'”.