Una previsione catastrofica, ma haimè! realistica. Molto probabile  secondo l’annuale rapporto curato dall’Organizzazione mondiale metereologica.

L’articolo di Docente senior di scienze del clima, all’Università di Melbourne nella versione integrale sta qui

https://theconversation.com/global-warming-to-bring-record-hot-year-by-2028-probably-our-first-above-1-5-c-limit-205758

**********

Un anno nei prossimi cinque sarà quasi certamente il più caldo mai registrato e ci sono due possibilità su tre che un solo anno superi la soglia cruciale del riscaldamento globale di 1,5 ℃, secondo un nuovo rapporto allarmante dell’Organizzazione meteorologica mondiale .

Il rapporto, noto come Global Annual to Decadal Climate Update , avverte che se l’umanità non riuscirà a ridurre le emissioni di gas serra a zero, record di calore sempre peggiori crolleranno oltre questo decennio.

Quindi cosa sta guidando le prospettive desolate per i prossimi cinque anni? Un previsto El Niño, oltre alla tendenza generale al riscaldamento globale, spingerà probabilmente la temperatura globale a livelli record.

L’accordo di Parigi è già fallito se la temperatura media globale supera la soglia di 1,5 ℃ in uno dei prossimi cinque anni? No, ma sarà un duro avvertimento di cosa c’è in serbo se non riduciamo rapidamente le emissioni a zero.

(…)

L’aggiornamento dell’Organizzazione meteorologica mondiale afferma che esiste una probabilità del 98% che almeno uno dei prossimi cinque anni sarà il più caldo mai registrato. E c’è una probabilità del 66% di almeno un anno oltre la soglia di 1,5 ℃.

C’è anche una probabilità del 32% che la temperatura media nei prossimi cinque anni superi la soglia di 1,5 ℃. La possibilità di superare temporaneamente 1,5℃ è aumentata costantemente dal 2015, quando era vicina allo zero. Per gli anni tra il 2017 e il 2021, era una probabilità del 10%.

Le emissioni di gas serra causate dall’uomo hanno già fatto aumentare le temperature medie globali di oltre 1℃ dalla fine del XIX secolo. L’aggiornamento rileva che la temperatura globale media del 2022 era di circa 1,15 ℃ al di sopra della media del 1850-1900, nonostante l’ influenza del raffreddamento delle condizioni di La Niña . Le temperature ora stanno aumentando di circa 0,2 ℃ per decennio .

Temperature superficiali medie globali relative al periodo 1850-1900 dai principali set di dati. La temperatura aumenta di circa 0,2°C per decennio. Ufficio Met del Regno Unito

Ora abbiamo più di un secolo di dati sulla temperatura media globale. Ciò significa che dovrebbe essere sempre più difficile, non più facile, ottenere nuovi record. Se non ci fosse una tendenza, ci aspetteremmo di vedere meno record con il passare del tempo e i dati che abbiamo raccolto catturano meglio l’intera gamma della variabilità climatica naturale.

Invece, poiché stiamo riscaldando il mondo così rapidamente, vengono stabiliti più record di calore a livello globale ea livello locale . L’influenza umana sul clima sta spingendo le temperature a massimi senza precedenti con una frequenza allarmante.

Aggiungi El Niño, quindi sono probabili picchi estremi

L’attuale record di temperatura media globale risale al 2016 . Un grande evento di El Niño all’inizio di quell’anno ha fatto salire la temperatura media globale.

Gli eventi di El Niño sono associati a mari più caldi del normale su gran parte del Pacifico centrale e orientale. Questo aiuta a riscaldare la bassa atmosfera e ad aumentare le temperature globali di circa 0,1 ℃ . Potrebbe non sembrare molto, ma con un rapido riscaldamento di sottofondo spesso è sufficiente per battere il record precedente.

Nei sette anni trascorsi dall’attuale record di temperatura globale, l’umanità ha continuato a intensificare l’effetto serra. Questo sta rendendo sempre più probabile un nuovo record.

 

Le condizioni di El Niño stanno iniziando a formarsi nel Pacifico e sembrano sempre più probabili prendere piede a giugno e luglio. Questo potrebbe essere il primo El Niño significativo dal 2016. Un El Niño aumenterebbe notevolmente la possibilità di superare la temperatura media globale record di quell’anno, in particolare nel 2024.

Questo significa che l’Accordo di Parigi è già fallito?

Quasi tutte le nazioni del mondo hanno firmato l’ Accordo di Parigi . L’obiettivo è limitare il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2 ℃ e preferibilmente al di sotto di 1,5 ℃ rispetto ai livelli preindustriali.

La previsione che un singolo anno al di sopra di 1,5 ℃ di riscaldamento globale sia più probabile che no è allarmante. Ma ciò non significa che non siamo riusciti a raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi. L’accordo mira a limitare il riscaldamento globale a lungo termine a un livello che eviti gravi impatti climatici, inclusa la perdita dell’ecosistema. Uno o due anni che superano il livello di 1,5 ℃ non costituiscono un fallimento.

Tuttavia, il mondo si sta avvicinando al livello di riscaldamento globale di 1,5 ℃ a causa delle nostre continue elevate emissioni di gas serra . La previsione di un anno probabile che superi quel livello dovrebbe servire da monito.

Ancora un altro segno del danno dell’umanità al clima

L’inazione passata sulla riduzione delle emissioni e sulla lotta al cambiamento climatico significa che abbiamo già riscaldato il mondo di oltre 1,2 ℃ . Le emissioni globali rimangono a livelli quasi record , quindi continuiamo a intensificare l’effetto serra e a riscaldare il pianeta.

Se vogliamo limitare il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2°C, allora dobbiamo agire in modo che le generazioni future non soffrano un pianeta molto meno ospitale.

Abbiamo capito la soluzione per decenni. Dobbiamo ridurre le emissioni a zero per fermare il riscaldamento della Terra. Paesi come l’Australia, con elevate emissioni storiche, hanno un ruolo di primo piano da svolgere decarbonizzando la fornitura di elettricità e riducendo la produzione di carbone, petrolio e gas in linea con gli obiettivi fissati dalle Nazioni Unite .

La mancata azione non dovrebbe essere considerata un’opzione. Altrimenti ci ritroveremo in annate più calde da record e impatti del cambiamento climatico molto peggiori per decenni e secoli a venire.