di Corina Alexandra Mitrache

A partire dal 2035 in Europa potranno essere venduti solo mezzi a emissione zero di CO2. Scompariranno, quindi, le auto a diesel, benzina e GPL. Questa decisione è stata approvata nel maggio del 2022 dalla Commissione ambientale UE. Non è stata però una decisione unanime.

Diversi votanti si sono soffermati sulla questione economica di tale cambiamento, ma qualsiasi dissenso è stato spazzato via dalla consapevolezza della situazione ambientale in cui viviamo, La Terra sta morendo e bisogna raggiungere a ogni costo la carbon neutrality entro il 2050. Non si può attendere oltre.

auto elettriche

L’articolo “What is the environmental impact of electric cars?” realizzato dalla European Environmental Bureau informa che le auto elettriche immatricolate oggi in Europa emettono in media 75 grammi di CO2 per Km sul loro intero ciclo di vita quindi il 69% circa in meno rispetto ai modelli con motori diesel. 

Bisogna però essere consapevoli che le auto a emissione zero non sono perfette e non sono al 100% green. Partendo già dalle colonnine di ricarica sorgono dei dubbi sulla veridicità di questo titolo. Non sappiamo, infatti, se l’elettricità che serve per caricare i mezzi arrivi da centrali di carbone o altri stabilimenti inquinanti.  

Negli Stati Uniti, secondo New York Times, l’elettricità usata dalle auto ad emissione zero sembrerebbe derivi da un mix di combustibili fossili e fonti rinnovabili. Perciò, anche se la produzione della batteria di questi mezzi è molto problematica, la sua vita effettiva e il suo consumo sembrerebbero un grande aiuto per la sostenibilità del pianeta.

auto elettriche

In Italia d’altro canto, fino a qualche anno fa, la produzione di energia elettrica avveniva a partire dallo sfruttamento di fonti non rinnovabili come appunto carbone, gas naturale e petrolio. Solo ultimamente il focus si sta rivolgendo sempre più sulle fonti rinnovabili come l’energia eolica, idroelettrica oppure solare. Le fonti rinnovabili, però, non hanno eliminato completamente quelle non rinnovabili. Ad oggi, infatti, siamo ancora a una percentuale del 50% di utilizzo di fonti non rinnovabili nel mondo della produzione elettrica. 

Auto elettriche: il dilemma della batteria

L’altro elemento da analizzare nel caso delle automobili green è la batteria a litio. L’estrazione di questo elemento, infatti, produce pericolosi rifiuti tossici. Cosa che avviene anche con alluminio, cobalto o nichel, tutti materiali fondamentali nella creazione di macchine elettriche. Per ogni kWh di capacità di una batteria, informa sempre lo studio condotto dalla EEB, si devono calcolare tra 40 e 350 kg di CO2 emessa in atmosfera, a seconda del tipo di batteria e del suo processo produttivo. 

auto elettriche

Gli studi del 2020 curati da Ricardo Energy Environment per la Commissione Europea sulla “Life Cycle Assessment”, da International Council of Clean Transportation (Icct) del 2021 e da Transport and Environment (T&E) del 2022 chiariscono come effettivamente i motori e le batterie prodotte in Cina producano più emissioni di CO2 rispetto a quelli prodotti in Europa, in quanto in Cina tutta l’elettricità prodotta deriva da centrali a carbone. Secondo un’altra ricerca del 2022 della Fondazione Caracciolo e dell’Università Guglielmo Marconi, infatti, un’auto elettrica prodotta in Cina ha un’impronta carbonica superiore del 35% rispetto ad una prodotta in Europa, dove si utilizza più energia verde.

La questione, però, varia a seconda delle distanze percorse e dei carichi trasportati. In casi di tratti di percorrenza molto lunghi e di carichi pesanti, come accade ad esempio con i camion, una semplice batteria a litio non basterà. Tali batterie, infatti, non offrono ancora una densità di immagazzinamento dell’energia sufficientemente elevata, perciò per la riuscita dell’obbiettivo preposto per il 2050 si pensa che delle celle a combustibile basato su idrogeno sia la scelta migliore.

Le macchine elettriche non sono solo dispositivi tecnologici: sono gli artefici della nostra transizione verso una società più sostenibile. La loro evoluzione continua promette di plasmare il futuro dell’energia e della mobilità, aprendo la strada a un mondo più pulito e tecnologicamente avanzato.

auto elettriche